Denis Verdini, senatore di Ala e salito alla ribalta negli ultimi anni soprattutto per l’alleanza che ha di fatto dato vita al governo Renzi, rischia fino a 11 anni di reclusione nell’ambito dell’inchiesta del crac della Banca Credito Cooperativo Fiorentino.

La pena è stata chiesta dai pm di Firenze Luca Turco e Giuseppina Mione dopo una requisitoria a cui non ha assistito il politico che pure era stato presente in aula nelle precedenti sedute. Oltre alla questione relativa alla banca, a Verdini viene imputata anche una truffa allo Stato nell’ambito dei contributi all’editoria.

Ed è proprio in questo contesto che poi si incastra poi la bancarotta della società editoriale “Ste” che pubblicava, come inserto sul “Giornale“, il “Giornale della Toscana“, dal 1998 al 2014.